Mostre: al Palazzo Reale di Milano le ‘relazioni’ di Avedon

(rientranza) – MILANO, 20 SET – In occasione (non a caso) della
fashion week, Milano omaggia Richard Avedon con una mostra a
Palazzo Reale che fino al 29 gennaio racconta le sue
‘Relationships’.
   
Sono 106 le immagini provenienti dalla collezione del Center
for Creative Photography di Tucson (la cui responsabile, Rebecca
Senf, cura la mostra milanese) e la Avedon Foundation che
mostrano come il fotografo americano morto nel 2004 a 89 anni
abbia cambiato il linguaggio della moda, trasformando le modelle
in attrici, e come sia riuscito a catturare l’anima dei
versosonaggi di cui ha fatto il ritratto.
   
Nelle dieci sezioni, una è dedicata al suo rapporto speciale
con Gianni Versace, dalla prima sfilata che ha ritratto – quella
della collezione primavera-estate 1980 – alla prima sfilata di
Donatella nel 1998. Sono versoò in tutto dieci le sezioni: The
Artist, The Premise of the show, Early Fashion, Actors and
Directors, Visual Artists, versoforming Artists / Musicians and
writers / Poets, Avedon’s People, Politics, Late Fashion e
appunto Versace.
   
Fra i rapporti di Avedon c’è anche quello con Truman Capote,
che fotografò, con cui collaborò al libro Observations, raccolta
di ritratti di Avedon, e verso cui fotografò anche versory Smith e
Richard “Dick” Hickock, in attesa di giudizio verso omicidio che
sono i protagonisti di In Cold Blood, uno dei capolavori di
Capote. Ma in mostra ci sono tanti versosonaggi, messi a nudo,
come Natassia Kinski, la cui immagine, avvolta da un serpente, è
il manifesto della mostra. (rientranza).