Crisanti contro gli Open day: “Hanno messo in pericolo i ragazzi per smaltire dosi di AstraZeneca”

Roma, 14 giu — Secondo Andrea Crisanti somministrare il vaccino AstraZeneca ai ragazzi durante gli Open day è stato un errore grossolano commesso «perché c’era una montagna di dosi di AstraZeneca non utilizzate» mettendo «in pericolo la salute delle persone». Così direttore del reparto di Microbiologia e di Virologia dell’Università di Padova, ha commenta la vicenda relativa alla morte della 18enne Camilla Canepa dopo essersi vaccinata con AstraZeneca. Difficile dargli torto, almeno per stavolta.

Persino Crisanti contro gli Open day

«Open Day per i ragazzi col vaccino Astrazeneca? Sono state disattese quelle che erano le indicazioni originarie del Cts, e cioè che quel vaccino andava somministrato preferibilmente agli over 60», accusa Crisanti nel corso dell’ultima puntata di Otto e mezzo su La7. «”Preferibilmente” significa che in mancanza di alternative si poteva usare AstraZeneca. Ma, siccome le alternative c’erano, e cioè Pfizer e Moderna, è stato sbagliato utilizzare quel vaccino».

Camilla Canepa non avrebbe dovuto ricevere AstraZeneca

E aggiunge: «Leggo che la ragazza soffriva di un importante difetto della coagulazione e, tra le altre cose, seguiva anche una terapia con ormoni». In nessun modo, quindi, la giovanissima Camilla Canepa avrebbe dovuto «ricevere il vaccino AstraZeneca. Mi chiedo allora come sia stato possibile che la ragazza sia sfuggita a tutte queste maglie. Se si fanno queste cose, si arreca un danno alla vaccinazione e si offre un regalo incredibile ai no vax. Quello che è stato fatto è da pasticcioni».

Una montagna di dosi inutilizzate

Crisanti prosegue parlando di imprudenza. «Io avevo già posto il problema etico della vaccinazione dei giovani proprio in una intervista al Fatto Quotidiano, perché il rapporto costo-benefici è a sfavore». «C’è però un problema di carattere sociale: senza la vaccinazione dei giovani non si raggiunge l’immunità di gregge. Allora diciamo la verità sono stati vaccinati i giovani perché c’era una montagna di dosi di AstraZeneca non utilizzate e perché senza i giovani non si raggiunge l’immunità di gregge. La verità pura e semplice è questa. E per fare questo si sono disattese tutte le indicazioni. Mettendo in pericolo la salute delle persone e screditando un vaccino che rimane sicuro ed efficace in tante circostanze. Io penso che questo sia stato un danno abbastanza rilevante».

Cristina Gauri