Per raccontare lo sport la televisione va oltre la realtà aumentata

on

|

views

and

comments

Ascolta la versione audio dell'articolo

3' di lettura

Il metaverso chiama e la realtà aumentata è il primo passo in quella direzione, soprattutto da parte delle tv tradizionali, che per vincere le nuove generazioni di spettatori devono andare ben oltre l’offerta attuale. È stato evidente in occasione della 59esima edizione del Mercato Internazionale dei Programmi TV di aprile e lo sarà ancora di più con gli annunci che arriveranno in questi giorni sempre da Cannes.

La Rai non intende tirarsi indietro di fronte a questa sfida e sta lavorando su diversi fronti per trasformare un insieme ”tradizionale” in un player media del futuro. «La sfida delle nuove tecnologie e della transizione digitale è centrale per la Rai. Per innovare da un lato la filiera del prodotto, integrando maggiormente il lineare e digitale; dall’altro la nostra offerta al cittadino, rendendola più ampia, credibile e di qualità, sempre più personalizzata» commenta con il Sole 24 Ore Marinella Soldi, presidente Rai dal 21 luglio dello scorso anno, che aggiunge: «Uno dei temi di maggior interesse in esame in questo momento è l’algoritmo di servizio pubblico, per l’offerta digitale, che diversamente dagli algoritmi usati da editori commerciali nasce inclusivo e non considera l’utente consumatore da condizionare ma cittadino da arricchire. Un altro tema è la realtà virtuale, che permette un arricchimento significativo del prodotto abbattendo i costi. Intelligenza artificiale e qr code sono gli strumenti che in un futuro non lontano potranno rendere accessibili le teche Rai all’esterno dell’azienda».

Loading…

Napoli
poche nuvole
25.1 ° C
26.5 °
24.2 °
86 %
1kmh
20 %
Mar
30 °
Mer
31 °
Gio
30 °
Ven
28 °
Sab
29 °

Devi-leggere

Più così

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui